Irmã Maria Alice Schimit

La scoperta della presenza di Gesù nella nostra vita, fatta giorno dopo giorno, è una conquista.

Con il riconoscimento di Diritto pontificio, la nostra Congregazione è stata arricchita con l’attributo, “missionarie”, nella sua denominazione. L’orizzonte della nostra partecipazione alla diffusione del Vangelo è confermata come componente centrale del nostro essere nella Chiesa e nel mondo. Molte delle nostre suore hanno dedicato la propria vita nelle missioni, lontane dalla loro patria. Tutte con grande spirito missionario, hanno risposto col loro – Sì – all’invito del Maestro per “inoltrarsi nelle acque più profonde dell’oceano”, per contribuire a diffondere il Vangelo e far conoscere a tutti Gesù. Dopo essermi dedicata per lunghi anni ai bambini del nido e nella scuola d’infanzia a san Paolo e nel Parana, inaspettatamente, è giunta la proposta fattami dalla nostra Madre generale: « Ti senti di andare nella nostra missione del Guatemala? » Non mi è stato facile lasciare tutto e pronunciare il mio – Sì! –, e sin dal giorno della domanda, una frase mi accompagnava ovunque: “ Cosa farebbe Gesù al mio posto? ” Ma… quasi a dare un senso maggiore a tutto questo, quando ogni cosa era deciso e pronto, il giorno precedente la mia partenza, improvvisamente, la mia mamma è stata colta da un malore. Ho rimandato la partenza e dopo averla assistita per un po’ di giorni e un buon miglioramento della sua salute, compresa da parte dei miei Superiori e incoraggiata dai miei fratelli, sono partita per il Guatemala. Ho lasciato la mamma che non poteva camminare, non poteva mangiare, non poteva parlare, non…. Oggi, non posso se non ringraziare i miei superiori per la loro comprensione, i miei fratelli per il loro incoraggiamento. Quando sono giunta, ho chiesto alla Vergine Maria di prendersi cura di lei, e posso testimoniare a tutti che il ricupero quasi totale della salute della mia mamma è un miracolo poiché ha ripreso quasi tutte le sue facoltà, manca solo di tanto in tanto di un po’ di memoria.

Oltre al suo eccellente recupero, è accaduta una cosa nuova: lei parla con me a Skype; cosa dire della mia mamma, donna semplice e umile che parla per mezzo del computer? Una mia Consorella esperta missionaria, mi ha detto: “ il ricupero della tua mamma è un miracolo del tuo – Sì! –. Anch’io nella missione mi sono presto ambientata. Collaboro nella pastorale parrocchiale a servizio del popolo tanto bisognoso e mi dedico all’assistere le ragazze ospiti nel collegio di El Estor, gestito dalla diocesi.

Dopo alcuni mesi di permanenza qui ho avuto la gioia di celebrare i miei 25 anni di Vita religiosa. La santa messa e il momento fraterno, per stare tutte insieme, li abbiamo celebrati e svolti nell’altra nostra comunità, in Quirigua. Familiari e Consorelle, pur se lontani, li ho sentiti tutti vicini a me e durante la celebrazione eucaristica ho voluto pregare così: – “ Oggi, rendo grazie a Dio per il dono della vita e della vocazione, della Congregazione delle Suore Missionarie dei Sacri Cuori, per avermi accolta; della mia famiglia e di tutti coloro che mi hanno incoraggiata nel cammino di risposta alla chiamata di Dio e mi hanno aiutata ad arrivare qui; a mio padre e amici che sono già alla presenza di Dio, la mia gratitudine eterna. A tutti voi qui, che in questo giorno, insieme a me elevate a Dio questa azione di lode, per i miei 25 anni di Vita religiosa, il mio grazie. Mi piace come Gesù, camminare nella vita facendo del bene. Pregate per me perché io perseveri e sia fedele a Dio e operi sempre per il bene dei fratelli. Alla gioventù qui presente, rivolgo l’invito a seguire Gesù, per dedicare la propria vita alla diffusione del Vangelo, per far conoscere a tutti il grande amore del suo Cuore e dare alla nazione del Guatemala, un volto nuovo: quello della pace, del rispetto reciproco e della condivisione delle poche cose, per diminuire quella tensione che quotidianamente fa strage tra fratello e fratello, tra amico e amico. Venite e vedete e conoscerete Gesù e tutti insieme saremo una forza che trasformerà la nostra nazione in una unica famiglia. Nel seguire Gesù non si perde mai nulla; si diventa più buoni, più umani, più fratelli. «VENITE E VEDETE». Grazie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la nostra Informativa. Cliccando su Approvo acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori Info | Approvo
x
L'Istituto Sacri Cuori di Gesù e Maria augura a tutti voi ..
.. un Buon Natale ed un felice anno nuovo!!!